Author Archives: admin

Renzo Garlaschelli

Category : Dedicato a

Renzo Garlaschelli
Garlaschelli.jpg

Garlaschelli alla Lazio nel 1974

     
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1984 – giocatore
Carriera
Squadre di club1
1968-1969 Sant’Angelo 32 (6)
1969-1972 Como 72 (6)
1972-1982 Lazio 228 (51)
1982-1984 Pavia 46 (11)
Nazionale
1973-19?? Italia Italia U-23 4 (1)

Fonte ufficiale dati carriera: https://it.wikipedia.org/wiki/Renzo_Garlaschelli

Ala destra, nato a Vidigulfo (PV) il 29 marzo 1950.

Acquistato nel 1972 dal Como, esordisce il 24 settembre in Lazio-Inter 0-0.

Atleta dal fisico solido, ha rappresentato la spalla ideale per Chinaglia.

Nella stagione dello scudetto 1973-74 ha segnato 10 reti. E’ al 7° posto nella classifica delle presenze in biancoceleste.
Ha giocato nella Lazio sino al 1982.

Suo bilancio nella Lazio:
276 presenze e 64 reti (Campionato 228/51; Coppa Italia 38/9; Coppa UEFA 10/4)


Giuliano Fiorini

Category : Dedicato a

 

Nato a Modena il 21 gennaio 1958.

Acquistato nel 1985 dal Genoa,viene confermato nella stagione successiva,quando realizza 7 reti:

decisiva quella del 21 giugno 1987 realizzata all’ Olimpico contro il Vicenza,quando mancano 4 minuti alla fine del campionato.

Quel gol consente alla Lazio di completare la rimonta dovuta alla penalizzazione per il secondo scandalo scommesse e di partecipare agli spareggi con cui evitera’ la serie C.

Poche settimane dopo si trasferisce al Venezia-Mestre 

Bilancio nella Lazio: 61 presenze, 14 reti

In campionato: 50 presenze, 10 reti

in Coppa Italia: 11 presenze, 4 reti


Soldo

Category : Dedicato a

Difensore roccioso,  dotato di ottima tecnica , arriva al mercato autunnale dall’Inter  stagione 67-68; si mette in luce per  costante rendimento e per le sue qualità nelle aree avversarie.

Nel primo campionato in maglia bianco celeste segna nelle ultime due giornate :
16 giugno 1968  lazio foggia 1-0
23 giugno 1968  reggiana  lazio 3-1
Nel successivo campionato è uno dei punti di forza della squadra per il ritorno in Serie A.

Al mercato di riparazione della stagione 70-71 viene ceduto al Monza

Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Carlo_Soldo


Filippo Citterio

Category : Dedicato a

Filippo Citterio
Filippo Citterio - SSC Napoli 1981-82.jpg

Citterio al Napoli nella stagione 1981-1982

     
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1992 – giocatore
Carriera
Giovanili
1969-1973 Vis Nova
Squadre di club1
1973-1974 Seregno 36 (1)
1974-1975 Milan 1 (0)
1975-1979 Palermo 129 (2)
1979-1981 Lazio 68 (7)
1981-1983 Napoli 45 (2)
1983-1985 Ascoli 26 (0)
1985-1990 Cremonese 165 (6)
1990-1992 Brescia 30 (0)
Carriera da allenatore
1992-1995 Cremonese Giovanili
1995-1996 Vis Nova
1998 Südtirol-Alto Adige
1998-2000 600px Giallo e Blu.svg Mariano
2001 Seregno
2002-2003 Vis Nova
2006-2009 Bianco e Azzurro.svg Molinello
2009-2010 Flag green HEX-007500.svg Nibionno

Fonte ufficiale dati carriera: http://it.wikipedia.org/wiki/Filippo_Citterio

File: [422px-15feb1981EaglesSupporters12.jpg] | Sun, 30 Jan 2011 22:19:47 GMT
LazioWiki: progetto enciclopedico sulla S.S. Lazio
www.laziowiki.org


Piola

Category : Dedicato a

Silvio Piola
Silvio Piola Lazio 3.jpg

Piola alla Lazio negli anni 1930

     
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1954 – giocatore
1957 – allenatore
Carriera
Giovanili
1925-1928 600px Bianco e Azzurro (Diagonale).png Veloces 1925
1928-1929 Pro Vercelli
Squadre di club1
1929-1934 Pro Vercelli 127 (51)
1934-1943 Lazio 227 (143)
1944 Torino FIAT 23 (27)
1945-1947 Juventus 57 (26)
1947-1954 Novara 185 (86)
Nazionale
1933-1935 Italia Italia B 6 (11)
1935-1952 Italia Italia 34 (30)
Carriera da allenatore
1953-1954 Italia Italia
1954-1956 Cagliari
1957 Cagliari
Palmarès
Julesrimet.gif Mondiali di calcio
Oro Francia 1938
Transparent.png Coppa Internazionale
Oro 1933-35

Fonte ufficiale dati carriera: http://it.wikipedia.org/wiki/Silvio_Piola

Galleria immagini

La pubblicazione del presente materiale è autorizzata dalla Sig.ra Paola Gaietta Piola

 


Figurine

Category : Figurine



Il Sociale

Category : Il sociale

Il LAZIO CLUB MILANO prevede nel proprio Statuto l’espletamento di attività sociale.

L’art. 2 comma i, esplicitamente dice : “…. proseguire ed incentivare l’attività sociale da svolgersi preminentemente nell’area bianco celeste mediante interventi di sostegno. “

La provvista dei mezzi avviene mediante atti di liberalità dei soci, o dei simpatizzanti o degli sponsor, oppure destinando una porzione della quota d’iscrizione annuale oppure da una congrua fetta di ricavi dalla lotteria che il LAZIO CLUB MILANO organizza a fine anno.

Destinatario storico è il “LAZIO CLUB DIVERSAMENTE ABILI”, nella persona del Suo presidente Emanuele Miozzi.

Il LAZIO CLUB MILANO ha sempre accompagnato negli ultimi anni le iniziative promosse dalla dott.ssa Paola Piola, figlia del mitico SILVIO, impegnata da sempre con diversi progetti a sostegno dei bambini con handicap o meno abbienti.

Beneficiario di un contributo è anche il Lazio Wiki sempre impegnato nella ricerca di notizie, fatti, cimeli e quant’altro utile ad implementare la gloriosa storiografia della S.S. Lazio.

La gestione dell’attività sociale del LAZIO CLUB MILANO è competenza diretta dell’intero Consiglio.


Antonio Elia ACERBIS

Category : Interviste

Antonio Elia Acerbis nasce a Milano il 31 gennaio 1960
Arriva alla Lazio nel 1986 dopo aver giocato a Varese, Udine, Monza,Bari e Pescara
Disputa 3 campionati in biancoceleste, tutti da titolare e nel 1989 passa al Verona
Personaggio carismatico della Lazio del -9, detto anche l’uomo dai lunghi silenzi ( dal famoso silenzio stampa durato per 5 anni), è stato comunque capace di instaurare un rapporto fantastico con la propria tifoseria che gli ha sempre riconosciuto doti da autentico leader e che ancora oggi è ricordato con immenso affetto da tutti i tifosi che vissero quegli anni difficili da cui la Lazio riuscì con orgoglio, con il cuore e con l’affetto dei tifosi sempre numerosi e vicini a tirare su la testa e continuare il suo cammino verso la salvezza…..

eccolo per noi….

Era il tuo sogno di bambino diventare calciatore? E’ stato un caso avvicinarti al mondo del calcio o sentivi già di averlo nel DNA?

Si,era il mio sogno da bambino,ma non avrei mai pensato di diventarlo davvero

Mitico jolly di centrocampo, fai parte di quel grande gruppo di uomini che fecero l’impresa verso la salvezza, come hai vissuto quel periodo?

Quel periodo è stato  vissuto a 360° da tutto il gruppo e nonostante fossimo in serie B tutti i tifosi si strinsero a noi: FANTASTICO!!

Come mai, secondo te, i tifosi della Lazio ricordano a memoria la formazione del -9 e stentano quasi a ricordarsi quella del 2° scudetto?

Forse perché eravamo tutti italiani e la numerazione andava ancora dal n.1 al n. 11.
Poi con l’arrivo della televisione è cambiato tutto.

Dei tuoi compagni di allora, con chi legasti di piu’?

Direi che ho legato con tutti,ma naturalmente c’era chi mi stava piu’ simpatico….

Un tuo ricordo legato a Giuliano Fiorini.

Il ricordo piu’ bello che ho e che mi lega e legherà per sempre a Giuliano Fiorini, è l’abbraccio sotto la curva dopo il goal contro il Vicenza…..INDIMENTICABILE

Com’era il tuo rapporto con FASCETTI Mister?

Ottimo,era quasi un rapporto come tra padre e figlio.

Mi racconti un episodio particolare ( o piu’ di 1) della tua carriera nella Lazio che per vari motivi ti è rimasta di piu’ nel cuore?

il primo episodio è quando decidemmo di restare tutti alla Lazio nonostante la serie C, mentre il secondo furono gli spareggi che dovemmo affrontare…..come ben sapete tutti….

4 anni fa,il Lazio Club Milano ha organizzato una cena sociale e a sorpresa ha fatto incontrare te con altri tuoi ex compagni dell’avventura del -9 capitanata dal Eugenio Fascetti: cos’hai provato dopo tanti anni ad incontrare di nuovo: FASCETTI-GREGUCCI-MAGNOCAVALLO-CAMOLESE-PODAVINI-FILISETTI?

in realtà ebbi l’occasione di rivederli  ai festeggiamenti per il centenario della LAZIO.
Comunque si percepisce ad occhio nudo che ogni volta che ci incontriamo, siamo felici come bambini…

Avresti un ricordo simpatico legato a ognuno di loro? Un  aggettivo per descrivere il loro modo di essere con te e rispetto comunque alla squadra in generale?

Ho solo dei bei ricordi con tutti, sarà banale, ma è cosi.

Vedi o  frequenti ancora qualcuno di loro attualmente?

Qualche volta vedo Paolo Monelli perché abitiamo vicini

Cosa pensi del Derby che mette a confrontale 2 squadre della capitale? Hai vissuto questa esperienza?

a Roma, il calcio lo vivi 7 giorni su 7 e la settimana prima del derby è stressante come nessuna!

Alcuni dei tuoi ex compagni hanno intrapreso la carriera di allenatori: tu lo faresti? Se si, ti piacerebbe affrontare la sfida di allenare una squadra di serie A?

Non ci penso proprio, è l’ultimo dei miei pensieri!

Hai mai lanciato la tua maglia verso la curva dei tuoi tifosi?

No perché non si poteva allora.

Come sono cambiati secondo te i tifosi di oggi rispetto ai tuoi di quegli anni?

Non ho mai frequentato le curve, ne allora, né adesso e non so risponderti.

Ora cosa fai, sei rimasto nell’ambiente del calcio?

No, il calcio lo vedo poco. Chiedo solo il risultato della LAZIO

Cosa pensi della Lazio attuale, del suo tecnico e dell’organico a disposizione del Mister?

La Lazio sta vivendo un anno particolare per via della Champions (ormai purtroppo sfumata) e l’organico non ce la fa a sopportare anche il campionato.

E cosa pensi di Delio Rossi?

E’ un allenatore che ha dato un’impronta nel modo di giocare….e si vede…

Cos’hai provato a lasciare il mondo del calcio? Almeno quello agonistico di cui sei stato un buon rappresentante?

Niente….

Cosa pensi del Lazio Club Milano?

E’ una grande unione di persone speciali che non chiedono niente e danno tutto.
Fanno incontrare, noi amici ed ex compagni di squadra ormai lontani da tempo.
Grazie a loro, ho conosciuto il mio idolo RENZO GARLASCHELLI che tra l’altro secondo me,è una persona incredibile e dall’umanità che tutti i campioni del suo livello dovrebbero possedere……ma solo lui ce l’ha!!
Devo poi ringraziare due persone speciali che fanno parte di questo club: una è Claudio (il Presidente del Lazio Club Milano) e  l’altra è Patrizia (Addetta stampa del club) che con me sono sempre pieni di premure e gentilezze: GRAZIE DAVVERO!

Letto, approvato e sottoscritto da Antonio Elia ACERBIS.

(a cura di Patrizia Ianniello – addetta stampa Lazio Club Milano)


Daniele FILISETTI

Category : Interviste

Daniele Filisetti, nato a Nembro (BG) il 2/9/1959.
Cresciuto nell’Atalanta, nel 1983 viene acquistato dalla Lazio dove vi milita per 4 stagioni, ricoprendo il ruolo di grintoso terzino. 80 presenze nelle file Biancocelesti.
Eccolo per noi…

 

Come hai vissuto il passaggio da una squadra di provincia come l’Atalanta, che si rivela sempre piu’ grande vivaio di giovani promesse per le grandi squadre di serie A, a un grande Club come la Lazio?

Come il premio a tutti i sacrifici fatti sino a quel momento per poter giocare  al pallone.

Che differenza hai trovato rispetto a mentalità, scelte tattiche, rapporti interpersonali con allenatore e compagni tra l’una e l’altra società?   

Guarda , all’Atalanta ero da sempre, visto che oramai erano dieci anni che la frequentavo, il bravo ragazzo cresciuto in famiglia… due palle , alla LAZIO , finalmente sono stato considerato un calciatore professionista a tutti gli effetti.

Con quali compagni hai legato di piu’?  

Nella mia vita calcistica ho sempre pensato, lo penso tuttora anche nella vita reale , che tutto quello che di buono si riesce a fare lo si deve a qualcuno che in qualche modo ti ha dato una mano , e quindi , a parte un paio che mi stavano veramente sulle palle, ma non dirò mai il nome, nemmeno sotto tortura, sono sempre riuscito ad andare d’accordo con tutti. E’ chiaro che con Magnocavallo c’e’ un rapporto speciale

Hai ancora rapporti di amicizia con loro?   

Quasi con nessuno, visto che ho abbandonato completamente il mondo del pallone tranne per le cene con le vecchie glorie sempre più vecchie e sempre meno glorie.

Il tuo rapporto con FASCETTI-MISTER e FASCETTI-UOMO.

Quando giocavo avevo il concetto che il Mister fosse il padrone assoluto della squadra e quindi per me l’allenatore e l’uomo erano la stessa persona. ……ero proprio un bel pirla.

Puoi raccontare un episodio particolare della tua carriera che per vari motivi ti è rimasto nel cuore? 

Di episodi ce ne sarebbero a centinaia ma la cosa che ricordo con più piacere non è un fatto ma l’atmosfera che si era creata con i tifosi LAZIALI  nel susseguirsi delle vicissitudini di allora. Lorenzo , Chinaglia , -9, ecc..Loro erano noi e noi eravamo loro.

Tu fai parte di quella schiera di uomini definita EROI DEL -9 che fecero l’impresa piu’ grande che sarà ricordata dagli occhi e dal cuore dei tifosi come un episodio importante nella storia laziale: LA SALVEZZA. Cosa ricordi di quel periodo? 

Una grande tristezza, visto che sapevo di dover andare via , ma nello stesso tempo un orgoglio , penso irripetibile, per aver contribuito alla continuità  e  al proseguio della storia della LAZIO.

Cos’hai provato al 37° della ripresa di quel famoso LAZIO-VICENZA quando, mentre tra i tifosi cominciava a serpeggiare una ventata di disperazione e Giuliano Fiorini arpiona un tiro-cross da destra di Podavini, si gira in area e di destro trafigge l’estremo difensore vicentino?   

PURO ORGASMO SESSUALE!

Com’è stato sentire esplodere tutto lo stadio Olimpico completamente gremito in ogni ordine di posto dopo questo gol memorabile?  

Io non ho sentito esplodere l’Olimpico al gol di FIORINI, ma ho sentito , e puoi crederci, tutta la R…., LAZIALE (non vorrei fare troppa pubblicità all’altra squadretta della città,) ESPLODERE.

Un ricordo che ti lega particolarmente a Giuliano Fiorini.

Ne ho parecchi ,visto che dopo il trasferimento al Venezia , ha vissuto per alcuni mesi a casa mia, ma sono talmente miei che non li confesserò mai a nessuno.

Alcuni dei tuoi ex compagni (Gregucci-Marino-Caso-Camolese) hanno intrapreso la carriera di allenatori; se tu avessi avuto qualche richiesta da qualche società di allenare, avresti accettato?

No, perche al sottoscritto il calcio è sempre piaciuto solo giocarlo.

4 anni fa, il Lazio Club Milano ha organizzato una cena e, a sorpresa ha fatto incontrare te con altri tuoi ex compagni del gruppo -9 capitanato da Eugenio Fascetti: cos’haiprovato dopo tanti anni a rivedereFascetti,Fiorini,Gregucci,Acerbis,Magnocavallo, Camolese,Podavini?

Che fortunatamente non ero ingrassato ed invecchiato solo io.

Avresti un simpatico ricordo particolarmente legato ad ognuno di loro?

Ci vorrebbe un libro solo sui ricordi con Magnocavallo.

Cosa pensi del Derby: hai vissuto un’esperienza diretta?

Sì  penso che l’unica cosa che mi manca del calcio sono le due ore di attesa prima di una partita ed in particolare del derby. Quanta adrenalina, quasi meglio di una bella.

Ora segui la Lazio da tifoso?

Certamente , anche se , per me , non c’è più l’atmosfera della mia LAZIO.

Quando hai deciso di lasciare il mondo del calcio, cos’hai provato ad attaccare gli scarpini al chiodo?

La  soddisfazione di essermi divertito sino a trent’anni e la consapevolezza che le cose finiscono e si deve ricominciare a pensare ad altro.

Questo mondo calcistico di oggi, è tanto diverso da quello dei tuoi tempi?

Non saprei, visto che non lo frequento.

Hai mai lanciato la tua maglia verso i tuoi tifosi?  Se si, in quale occasione?

Guarda che le  maglie a noi le facevano pagare e anche molto care.

I tifosi di allora sono diversi dai tifosi attuali? Quali preferisci e perché?

Non saprei visto che io frequento ancora i tifosi di allora, sono gli unici che si ricordano di me.

Ora cosa fai? 

Faccio l’odontotecnico.

Cosa pensi del Lazio Club Milano?

Che mi offre l’occasione di poter rivedere   e di poter ricordare i momenti più belli della mia vita da sportivo e mi permette , qualche volta, di sognare di tornare a vivere nella città più bella del mondo.

Daniele Filisetti

Letto, approvato e sottoscritto da DANIELE FILISETTI

(a cura di Patrizia Ianniello – addetta stampa Lazio Club Milano)


Categorie

Articoli recenti